Tre, numero perfetto!

Tre, numero perfetto!

SHARE

3 come V-Ray 3
3 come il mio terzo manuale
3 come il mio terzo intervento (da 3 ore) al View Conference
3 come terzo anno di docenze a SPD
3 come, ovviamente, 3D 🙂 Quest’anno si è rivelato parecchio impegnativo e allo stesso tempo appagante. Di recente infatti ho ricevuto l’invito ufficiale a tenere un intervento, uno speech, presso il View Conference. Ne parlavo giusto una paio di settimane fa, e ora la data sta diventando davvero imminente. Si parlerà di stampa 3D con l’amico e collega Massimo Temporelli, si parlerà di realtà aumentata e si parlerà, di sviluppo videogame in 3D.
Tre argomenti, suddivisi in tre ore in cui non mancherà V-Ray. Chaos Group infatti mi ha nominato ambasciatore onorario, o almeno credo sia questa la traduzione in italiano del termine ambassador. Mi è stata fornita da tempo una versione beta del nuovo V-Ray 3 che ho usato come riferimento per il mio nuovo manuale relativo appunto a questo renderizzatore. Durante i miei interventi al View Conference ho intenzione di mostrare le nuove caratteristiche del motore di render e ho intenzione di seguire una traccia di paragone tra render realtime (alla base di videogame e realtà aumentata) e render offline (alla base di presentazioni video 3D, anche stereo, e stampa 3D). lucaderiublog.blogspot.com_viewconference_2013_stampa3d_augmentedreality_videogame Il mio manuale “V-Ray e progettazione 3D” verrà presentato in questi giorni, tra il 2 e il 5 Ottobre (quindi anche il 3 Ottobre :)) al Made Expo di Milano. In realtà non si tratta proprio di una presentazione formale come se fosse un nuovo Harry Potter, un libro di King o Brooks, ma comunque per me è un traguardo importante. L’editore mi ha dato carta bianca per la stesura e io ho cercato di scrivere un manuale rapido e diretto (ma non per questo superficiale) riguardante appunto la grafica 3D e il render con V-Ray. Il taglio che ho cercato di dare al libro è super professionale, e ho cercato di soffermarmi sugli aspetti veramente essenziali di utilizzo del software. Se vi è capitato di mettere mano a V-Ray avrete notato che i parametri sono tantissimi e le aree di intervento sono davvero ampie: fur, fuoco, nebbia volumetria, caustiche, effetti speciali e così via. In questo volume la prima difficoltà è stata quella di scremare gli argomenti non funzionali per quanto riguarda l’utilizzo del software in ambito di design e architettura. La seconda difficoltà è stata quella di individuare e progettare un interno e un esterno che mi dessero la possibilità di spiegare tutto il necessario senza tralasciare argomenti importanti. La terza difficoltà è stata quella di sedermi a scrivere durante l’estate…in realtà scrissi ben 1 pagina durante il mio soggiorno sull’isola di Athuruga, ma il clima tropicale alla fine ha distratto le mie buone intenzioni 🙂 lucaderiublog.blogspot.com_athuruga_maldives_vray Il 30 Ottobre inizierà la mia nuova serie di corsi presso NABA e Scuola Politecnica di Design come docente di 3ds Max e V-Ray. Durante i corsi frontali userò una tecnica di formazione nettamente diversa da quella “stampata/video”. Infatti per le lezioni “discorsive” uso un sistema che ho messo a punto durante questi anni e che da ottimi risultati. Questo non significa che non metto lo stesso impegno nella stesura dei libri o nella registrazione dei videocorsi, ma semplicemente il media è diverso e con esso anche l’approccio educativo. lucaderiublog.blogspot.com_spd_scuola

SHARE
Previous articleView Conference 2013
Next articleChaos Group V-Ray 3